Disattivare servizi a pagamento:

Come disattivare servizi a pagamento

Se sei arrivato qui per scoprire come disattivare servizi a pagamento, sei nel posto giusto.

Può sembrare una procedura semplice, infatti, dato che spesso basta rispondere al messaggio scrivendo “OFF”, “STOP” oppure “NO”. In realtà, basta un piccolo errore per continuare a vedersi sottratto il credito telefonico settimanalmente o quotidianamente.

Vediamo, allora, come poter risolvere questo fastidioso problema in breve tempo e come richiedere un indennizzo grazie al nostro aiuto.

 

 

Perché rivolgersi a noi

Per ottenere un indennizzo è obbligatorio aprire un reclamo. Puoi farlo attraverso una segnalazione telefonica, un ticket sul portale o scrivendo sulle pagine social del Gestore.

Se intendi disattivare servizi a pagamento efficacemente, però, ti consigliamo di inoltrare un reclamo scritto e di rivolgerti ai nostri esperti.

Il team di Unione dei Consumatori, composto da avvocati e consulenti, affronta queste problematiche quotidianamente per supportare chi, come te, si è visto sottratto indebitamente il conto per servizi VAS non richiesti.

Per affidarti a noi, segui queste semplici istruzioni:

Verrai ricontattato in tempi brevi da un nostro consulente che, valutato il tuo caso ti dirà cosa è possibile fare. Per ulteriori informazioni, invia un messaggio attraverso il form dedicato, tramite chat o chiama al numero 324 585 3965.

 

Come fare per disattivare servizi a pagamento

In gergo, i servizi a pagamento vengono chiamati anche VAS (acronimo anglosassone di Servizi a Valore Aggiunto).

L’attivazione avviene, spesso, in modo truffaldino e a insaputa dell’utente, ma c’è una buona notizia. Ogni servizio a pagamento è disattivabile e si può anche richiedere il rimborso di quanto indebitamente sottratto.

Per poter disattivare servizi a pagamento dovresti, innanzitutto, accertarti di aver ricevuto un sms che te ne comunica l’attivazione. Nel messaggio troverai le istruzioni per poter disattivare il servizio inviando una risposta allo stesso numero.

In secondo luogo, dovrai chiamare il tuo Gestore e chiedere di disattivare i servizi a pagamento attivi sul tuo numero, oltre al rimborso di quanto addebitato.

 

Come chiedere il rimborso e disattivare servizi a pagamento

Se per disattivare servizi a pagamento è sufficiente rispondere ad un sms, è anche vero che per ottenere il rimborso il percorso è un po’ più tortuoso e molto meno immediato.

Nonostante ottenerlo sia un diritto del cliente, spesso il Gestore utilizza tutti i mezzi che ha per rendergli la vita difficile.

Ricorda che hai un tempo minimo entro il quale agire, a seconda del servizio e della Compagnia telefonica con cui hai sottoscritto il contratto. Questo intervallo temporale può andare dai 7 ai 14 giorni massimo.

Superata questa soglia temporale, la tua richiesta potrebbe non essere accolta, ma hai la possibilità di fare un reclamo scritto e ottenere ciò che ti spetta per legge.

 

Disattivare servizi a pagamento online

Un altro modo per disattivare servizi a pagamento attivati sul tuo numero di telefono, è quello di entrare nel portale del tuo Gestore telefonico con le tue credenziali.

Potrai gestire la tua sim direttamente da lì. Alcune Compagnie elencano i servizi attivi con un quadratino di spunta laterale.

Basta verificare ed eliminare la spunta sul servizio non richiesto. Purtroppo, non sempre i Gestori  concedono questa possibilità e non tutti i servizi rientrano nell’elenco.

 

[Voti: 18   Media: 4.9/5]

Lascia un commento