reclami Tim Telecom

Come scrivere e a chi inviare i reclami Tim – Telecom

Stai cercando un modulo per reclami Tim – Telecom perché sei alle prese con un guasto, un’interruzione di linea telefonica o una connessione ADSL / Fibra lenta?

Devi segnalare al Gestore un’errata fatturazione, un problema di portabilità o una mancata attivazione di servizi?

Non riesci a contattare l’Operatore, o i tuoi reclami non hanno ricevuto alcuna risposta?

Sei nel posto giusto! Indennizzo Telefonico è un blog – seguito da un consulente esperto pronto a rispondere a tutte le tue domande – specializzato nella risoluzione dei problemi telefonici.

Poiché rappresentiamo Unione dei Consumatori, entrando a far parte della nostra famiglia, avrai a tua disposizione un team di esperti, consulenti ed avvocati, che gestiscono – con successo – centinaia di casi al giorno in tutta Italia.

Richiedi una valutazione del tuo caso e potrai:

  • scoprire come reclamare a Tim Telecom efficacemente
  • risolvere velocemente il problema
  • ottenere un indennizzo economico per il disagio subìto

 

📝 CONTATTACI SUBITO!

 

Qui di seguito di spiegheremo come fare e a chi inviare un reclamo. Potrai inoltre anche scaricare il nostro modulo reclami Tim Telecom precompilato

 

 

Come inviare i reclami Tim – Telecom

Quando si subisce un disservizio è necessario inviare subito un reclamo al Gestore. I tempi celeri e la correttezza della compilazione del modulo sono fondamentali per risolvere il tuo problema in breve tempo e richiedere l’indennizzo telefonico che ti spetta per i disagi subiti.

Ti ricordiamo che reclamare a Tim è obbligatorio perché manifesti così il tuo disaccordo sulla situazione che si è venuta a creare con il tuo Gestore telefonico.

Per inviare una prima segnalazione puoi chiamare il call center di Tim al 119 per i numeri mobile, 187 per i numeri di rete fissa, 191 per i contratti business, oppure puoi scrivere sui suoi canali social (Facebook e Twitter) o nella tua area riservata del sito ufficiale.

Spesso, però, la segnalazione con queste modalità non è sufficiente in caso di contenzioso, pertanto si reputa necessario inviare al Gestore un reclamo in forma scritta in quanto:

  1. mette a conoscenza la Compagnia del problema, obbligandola ad agire
  2. costituisce prova certa dell’avvenuta lamentela
  3. consente di avviare la richiesta di indennizzo o risarcimento

Puoi inviare i tuoi reclami Tim – Telecom attraverso:

  • Pec all’indirizzo telecomitalia@pec.telecomitalia.it 
  • Fax ai numeri 800 600 119 (privati linea mobile), 800 000 187 (utenze fisse), 800 000 191 (utenze business)
  • Raccomandata  A/R:
    • Tim Servizio Clienti – Casella Postale 555 – 00054 Fiumicino (RM) per i privati della linea mobile
    • Telecom Italia S.p.A – Servizio Assistenza Clienti – Casella Postale 111 – 00054 Fiumicino (RM) per i privati con linea fissa
    • Telecom Italia S.p.A, Servizio Clienti Business, Casella Postale 456, 00054 Fiumicino (RM) per le utenze business

Per l’invio del tuo reclamo, utilizza il nostro modulo precompilato che puoi trovare in fondo alla pagina.

Ricorda sempre che, secondo quanto stabilito dalla Carta dei Servizi, le segnalazioni vanno effettuate entro 90 giorni dal presentarsi del problema. Nel caso quest’ultimo riguardi una fattura, il limite è di 60 giorni dalla scadenza della stessa.

 

La mancata risposta ai reclami a Telecom – Tim

Così come è un tuo obbligo reclamare, rispondere è un preciso dovere delle Compagnie telefoniche.

Questa modifica legislativa è stata fortemente voluta dall’Autorità Garante per le Comunicazioni per contrastare l’atteggiamento dei Gestori che tendono a non rispondere ai reclami dei consumatori lasciandoli nell’oblio e abbandonati a se stessi.

Una volta inviato il reclamo, non ti resta che attendere la risposta dell’ufficio reclami Tim Telecom, che dovrà necessariamente risponderti, positivamente o negativamente, ma sempre in forma esauriente, entro 45 giorni dalla sua presentazione. Se non dovesse farlo o dovessi ricevere una risposta inadeguata o stereotipata, dovrà corrisponderti un ulteriore indennizzo per mancata risposta al reclamo.

 

Perché affidarsi a Indennizzo Telefonico!

Come anticipato, questo blog, è messo a disposizione degli utenti da Unione dei Consumatori, un’associazione nazionale specializzata nella risoluzione dei problemi in telefonia e Pay-Tv.

Scegliendo Indennizzo Telefonico avrai alle spalle una struttura seria, affidabile e competente.

Grazie alla nostra esperienza consolidata negli anni, sappiamo come districarci tra le insidie burocratiche e vantiamo un altissimo numero di controversie chiuse con successo in sede stragiudiziale (conciliazione).

Contattaci subito e senza alcun impegno ti forniremo un aiuto concreto per:

  • capire come affrontare correttamente il tuo problema
  • aiutarti nella compilare di un reclamo efficace
  • quantificare l’indennizzo economico a cui hai diritto, per il disagio subito

Inoltre potremo:

  • avviare procedimenti d’urgenza nel caso di sospensione del servizio
  • assisterti interamente nel contenzioso, occupandoci della redazione delle memorie, del deposito dell’istanza e della sua trattazione (compresi i probabili rinvii), presso i Co.Re.Com. su conciliaweb.
  • farti ottenere indennizzi economici maggiori rispetto a quelli promessi dagli Operatori

In pratica ti occuperemo interamente del tuo caso, sgravandoti in tal modo da ogni pensiero.

A questo punto, scarica il nostro:

📥 RECLAMO TIM – TELECOM
per Business e Privati

  • Compilalo e invialo all’ufficio reclamo Telecom Tim scegliendo una delle modalità indicate all’interno
  • Inoltraci copia su indennizzotelefonico@unionedeiconsumatori.it 
  • Comunicaci ogni informazione utile che ci aiuti a comprendere meglio il problema

Valuteremo subito come possiamo aiutarti e a quanto ammonta l’indennizzo economico che ti spetta per il disagio subìto.

 

Richiedici assistenza

e saremo al tuo fianco!

📝 CONTATTACI SUBITO!


 

⇒ PER APPROFONDIRE 

 

L’indennizzo automatico

Nella delibera n. 347/18/CONS emessa dall’Agcom si regolamenta l’indennizzo automatico.

Quando si verificano dei ritardi dell’attivazione del servizio, ritardi nel trasloco dell’utenza, interruzione o sospensione amministrativa erronea, l’Operatore è tenuto a risarcire automaticamente l’utente, mediante accredito sulla prima fattura utile.

Se l’indennizzo da corrispondere è superiore all’importo della fattura, la parte eccedente (superiore a 100 euro), viene versata tramite assegno o bonifico bancario, entro i 30 giorni dall’emissione della stessa.

Per le prepagate l’indennizzo viene accreditato sul conto di servizio del cliente, come credito monetizzabile e trasferibile, entro 60 giorni dalla segnalazione del disservizio o dalla sua risoluzione.

Nel caso, invece, di una cessazione del rapporto contrattuale, antecedente all’emissione della fattura, l’indennizzo superiore ai 100 euro viene corrisposto tramite bonifico bancario o assegno, su espressa richiesta dell’utente.

[Voti: 1702   Media: 4.6/5]
ciao